News scuola, News soci, Notizie varie, Soci, Spot

DA INAIL: L’INFORTUNIO PER COVID19 NON È COLLEGATO ALLA RESPONSABILITÀ DEL DATORE DI LAVORO

 

L’Inail ha fatto chiarezza circa la responsabilità civile e penale del datore di lavoro nel caso un dipendente sia colpito da infezione da Covid19

L’Inail ha diramato un comunicato stampa per fare chiarezza circa la sua posizione sulla responsabilità civile e penale del datore di lavoro nel caso un dipendente sia colpito da infezione da Covid19, precisando che l’infortunio sul lavoro per Covid-19 non è collegato alla responsabilità penale e civile del datore di lavoro perché il datore di lavoro risponde penalmente e civilmente delle infezioni di origine professionale solo se viene accertata la propria responsabilità per dolo o per colpa.

Ecco il testo del comunicato:

“In riferimento al dibattito in corso sui profili di responsabilità civile e penale del datore di lavoro per le infezioni da Covid-19 dei lavoratori per motivi professionali, è utile precisare che dal riconoscimento come infortunio sul lavoro non discende automaticamente l’accertamento della responsabilità civile o penale in capo al datore di lavoro.

Sono diversi i presupposti per l’erogazione di un indennizzo Inail per la tutela relativa agli infortuni sul lavoro e quelli per il riconoscimento della responsabilità civile e penale del datore di lavoro che non abbia rispettato le norme a tutela della salute e sicurezza sul lavoro. Queste responsabilità devono essere rigorosamente accertate, attraverso la prova del dolo o della colpa del datore di lavoro, con criteri totalmente diversi da quelli previsti per il riconoscimento del diritto alle prestazioni assicurative Inail.

Pertanto, il riconoscimento dell’infortunio da parte dell’Istituto non assume alcun rilievo per sostenere l’accusa in sede penale, considerata la vigenza in tale ambito del principio di presunzione di innocenza nonchè dell’onere della prova a carico del pubblico ministero. E neanche in sede civile il riconoscimento della tutela infortunistica rileva ai fini del riconoscimento della responsabilità civile del datore di lavoro, tenuto conto che è sempre necessario l’accertamento della colpa di quest’ultimo per aver causato l’evento dannoso.

Al riguardo, si deve ritenere che la molteplicità delle modalità del contagio e la mutevolezza delle prescrizioni da adottare sui luoghi di lavoro, oggetto di continuo aggiornamento da parte delle autorità in relazione all’andamento epidemiologico, rendano peraltro estremamente difficile la configurabilità della responsabilità civile e penale dei datori di lavoro”.

 

 

 

A.N.A.R.P.E.Associazione Nazionale Agenti Rappresentanti Promotori Editoriali
sede legale:      via Ventiquattro Maggio, 10 – 50129 – Firenze – presidenza@anarpe.it
sede operativa: via Talete di Mileto, 4 – 80126 – Napoli – segreteria@anarpe.it
Tel. 0039 0817 529 677 – Fax 0039 0815 592 719
Sito internet: www.anarpe.itPosta Elettronica Certificata: anarpe@pec.anarpe.it


CONDIVIDI:


di ANARPE SEGR. NAZ.

A.N.A.R.P.E. - Associazione Nazionale Agenti Rappresentanti Promotori Editoriali associazione senza scopo di lucro - cod. fisc. 9 1 0 4 7 6 5 0 6 8 3 sede operativa: via Talete di Mileto, 4 - 80126 - Napoli - segreteria@anarpe.it sede legale: via Ventiquattro Maggio, 10 - 50129 - Firenze - presidenza@anarpe.it Tel. 0039 0817 529 677 - Fax 0039 0815 592 719 Sito internet: www.anarpe.it - Posta Elettronica Certificata: anarpe@pec.anarpe.it

Discussione

Nessun commento.

Commenta

Applicazioni per docenti

luglio: 2020
L M M G V S D
« giu    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031